TAOFF 2016 – RICHARD GERE MOSTRA IL SUO FILM “GLI INVISIBILI” DAVANTI A 300 SENZATETTO

gli-invisibili-trailer-italiano-foto-e-locandina-1 copia

Richard Gere, impegnato in questi giorni come Presidente di Giuria del Taormina Film Festival 2016, ha presentato sabato scorso il suo ultimo lavoro intitolato “Gli Invisibili“. Prodotto dalla Cold Iron Pictures, il cui titolo originale è Time Out of Mind è distribuito nelle sale italiane dalla Lucky Red ed è stato realizzato nel 2014 per le vie di New York.

Nel film Richard Gere è un uomo disperato che non ha un posto dove andare e si ritrova alla deriva nelle strade, inospitali, di New York. Prova a trovare rifugio al Bellevue Hospital, il più grande centro di accoglienza per senzatetto di Manatthan dove inizierà a capire cosa voglia dire veramente essere degli emarginati della società.

Ho avuto la possibilità di vedere il film in anteprima sabato pomeriggio e dopo un inizio un po’ troppo lento, il film mi è cominciato a piacere. Se vi aspettate colpi di scena o grandi avvenimenti non ne troverete. Il film si concentra realmente su quelli che sono i veri problemi di un senzatetto. Un senzatetto non si domanda quali vestiti mettere o quali scarpe mettere ma spera di trovare tra i rifiuti un cappotto nuovo, una sciarpa un paio di guanti e, se si è veramente fortunati, un paio di scarpa. Le scarpe sono le cose più desiderate, quando si vive per strada bisogna avere delle scarpe decenti che non abbiano buchi e che riscaldino nelle fredde notti.

La pellicola ci mostra le vere difficoltà che si trovano anche in città come New York che registra un numero enorme di senza dimora. Il personaggio di Richard Gere inizialmente fatica ad accettare la sua condizione e diciamo per chi può essere facile accettare di non avere una casa ne una famiglia? La casa è tutto, ti senti sicuro, ti senti parte di qualcosa, ti senti vivo. 

Ma il protagonista del film non è solo ha qualcuno, una figlia con cui però non si parla da anni. Non vengono mostrate scene del passato, nessun flashback ma capiamo che per problemi con l’alcool non sembra essere stato per niente un padre modello. Ad arricchire il film la presenza di un’ attrice che io amo molto cioè Jena Malone che interpreta una arrabbiata e delusa figlia.

Film non per tutti che emoziona proprio per la sua genuinità nel raccontare la vita di queste persone che in Italia sono più di 50 mila.

VOTO: 7 

La proiezione del film è avvenuta in presenza di 300 senzatetto proveniente da tutta la Sicilia. Richard Gere promuove in tutto il mondo numerosi progetti benefici, come la campagna #HomelessZero, organizzata da fio.PSD, Federazione Italiana degli Organismi per le Persone Senza Dimora, patrocinata dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Alla presenza del Ministro Poletti si è firmato un protocollo di intesa per promuovere la continuazione del progetto della fio.PSD #Housingfirst affinché tutti possano avere una casa. Ecco le mie foto scattate proprio a Taormina:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Rispondi